martedì 5 giugno 2018

Andrea pianista



Livia Torboli, insegnante di pianoforte, ha espresso con queste poche parole, la sua esperienza sull’insegnamento, con un ragazzo disabile, affetto da sindrome di Down. Il suo lungo lavoro é stato compensato . Andrea  é riuscito a raggiungere un livello di interpretazioni al pianoforte, a giudizio di persone competenti, non solo inaspettato ma anche unico.

„ Il preconcetto é un ostacolo che ci impedisce di vedere la persona che abbiamo di fronte, limita le loro e le nostre possibilitá di comunicazione e di reciproco apprendimento.
Non é facile liberarsi dai preconcetti che sono radicati anche nella nostra cultura e nel nostro modo di pensare. Ma possiamo provarci.
É un percorso che per quanto mi riguarda ha aperto tante porte piene di sorprese e di scoperte.
Andrea mi ha insegnato a non dare niente per scontato, a guardare le cose da diversi punti di vista, a dare valore anche alle cose apparentemente poco importanti.
In sostanza, la diversitá che contraddistingue ciascuno di noi, puó diventare un ostacolo oppure un’infinita possibilitá di arrichimento, di crescita e di comunicazione.
Quindi, ho fatto tanto per Andrea e lui ha fatto tanto per me.“

°°°°°
Livia Torboli
2018


lunedì 9 aprile 2018

Vivere



Vivere

Spazi di vita
nascosti da ombre
remote,

spazi di vita,
sommersi
da lacrime amare,

spazi di vita
imprigionati
da ignobili menzogne,

spazi di vita
colmi di illusioni.

Vita senza spazio
per vivere.

°°°°°

Graziella Torboli
Aprile 2018


domenica 8 aprile 2018

voglia di spazio



Voglia di spazio 


Scende dall’alta rupe,
il pensiero,
l’orizzonte intorno a se
lo limita,
la solitudine lo acceca,
vuole evadere,
andare oltre,
trovare  cose nuove,  vere,
guardare  l’orizzonte
non basta piú,
volge  lo sguardo
verso l’alto ,
vuole volare,
nello spazio  infinito.


°°°°°°°

Graziella Torboli
 aprile 2018

mercoledì 7 marzo 2018

I graffiti



Archita di Taranto

Archita di Taranto, l’inventore del numero 1, vissuto in Grecia nel IV sec. a C.
Matematico, filosofo, politico e amante della musica, Archita é stato il primo autore di graffiti della storia.

Si racconta che.........

Archita non tollerava di pronunciare parole volgari.
Un giorno che si era visto costretto a farlo, si era girato bruscamente verso il muro che si trovava dietro di lui e lí, voltando le spalle agli interlocutori, aveva scritto in grosse lettere la parola che si rifiutava di pronunciare.

°°°°°

Io suppongo che, mio nipote Arturo sia un discendente di Archita,  peró non é un matematico e nemmeno un politico.

°°°°°

Graziella Torboli

7 marzo 2018