lunedì 9 aprile 2018

Vivere



Vivere

Spazi di vita
nascosti da ombre
remote,

spazi di vita,
sommersi
da lacrime amare,

spazi di vita
imprigionati
da ignobili menzogne,

spazi di vita
colmi di illusioni.

Vita senza spazio
per vivere.

°°°°°

Graziella Torboli
Aprile 2018


domenica 8 aprile 2018

voglia di spazio



Voglia di spazio 


Scende dall’alta rupe,
il pensiero,
l’orizzonte intorno a se
lo limita,
la solitudine lo acceca,
vuole evadere,
andare oltre,
trovare  cose nuove,  vere,
guardare  l’orizzonte
non basta piú,
volge  lo sguardo
verso l’alto ,
vuole volare,
nello spazio  infinito.


°°°°°°°

Graziella Torboli
 aprile 2018

mercoledì 7 marzo 2018

I graffiti



Archita di Taranto

Archita di Taranto, l’inventore del numero 1, vissuto in Grecia nel IV sec. a C.
Matematico, filosofo, politico e amante della musica, Archita é stato il primo autore di graffiti della storia.

Si racconta che.........

Archita non tollerava di pronunciare parole volgari.
Un giorno che si era visto costretto a farlo, si era girato bruscamente verso il muro che si trovava dietro di lui e lí, voltando le spalle agli interlocutori, aveva scritto in grosse lettere la parola che si rifiutava di pronunciare.

°°°°°

Io suppongo che, mio nipote Arturo sia un discendente di Archita,  peró non é un matematico e nemmeno un politico.

°°°°°

Graziella Torboli

7 marzo 2018

venerdì 15 dicembre 2017

un soffio di felicitá

 Un soffio di felicitá 

E giunse la notte tanto attesa.
Nel bosco, le fate, i gnomi, le ninfe e gli elfi, si riunirono e si sedettero sul cuscino di  muschio, sotto la grande quercia.  L’aria tiepida della notte, lasciava frusciare le foglie degli alberi e pareva si scambiassero tante carezze.
La Luna, brillava alta nel cielo. I suoi raggi curiosi, cercavano di penetrare nel buio del bosco, per vedere che cosa succedeva.
Regnava un grande silenzio.
Senza alcun preavviso, tutta la vita del bosco si mise in movimento. Le fate, avvolte in veli bianchi iniziarono a volteggiare fra gli alberi, i gnomi solitamente seri e pensierosi, si misero a ballare fra loro mentre gli elfi rincorrevano le lucciole e le ninfe, vestite di rosa dorato, volarono fra i rami degli alberi, dando loro una brillio aureo.
I profumi dei fiori, degli alberi, della terra si intrecciarono fra loro e divennero una sola fragranza.
Gli animali del bosco, sorpresi da tanta gioia, prima rimasero attoniti a guardare, ma  poco dopo, anche loro si unirono a quella gioia improvvisa e iniziarono,  chi a ballare e chi a cantare.
I raggi della luna non sapevano piú chi illuminare, c’érano troppe meraviglie nel bosco.
Infine, si aggiunsero le stelle. Dopo aver dipinto i loro bagliori di mille colori, li lanciarono ovunque, in cielo e sulla terra. Cielo e terra erano in festa , ma perché?

„ È arrivata la felicitá“ disse sorridendo, il vecchio gufo. 

°°°°°
Buon Natale a tutti.


°°°°°
Graziella Torboli

Dicembre 2017


martedì 5 dicembre 2017

sulla sinceritá

sulla sinceritá


Io ritengo che:
Essere sinceri con il nostro prossimo sia una cosa giusta, ma ci vuole coraggio.
Essere sinceri con se stessi é fondamentale, ma ci vuole molto..molto piú coraggio.

°°°°°

Graziella Torboli
Dicembre 2017

sabato 25 novembre 2017

Aria e luce

Buongiorno !


Aria e luce

Raggi di luce
si intrecciano,

la brezza del mattino
li avvolge,

si desta la vita,
brilla la natura

con un profondo
respiro.

°°°°°

Graziella Torboli

25 nov. 2017